Home » #Dentro » RIUNIONE DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “PROUD TO BE” A CURA DEL TEAM DEL PROF. GIORGI

Il 24 maggio si è tenuta in sala NG una riunione di presentazione del progetto Proud to Be redatto dal team di psicologi del Prof. Toni Giorgi, relatore della riunione. Erano presenti Virginia Federico, Alberto Zambelli, Andrea Buccaro, Renata Sortino, Alessandra Barlaam, Denise Beltrami, Silvia Mazzotti, Marta Santini e Martina Roverselli.

Il progetto presentato è frutto del lavoro messo in atto dal team attraverso interviste, riunioni, un’approfondita ricerca interna e soprattutto l’osservazione delle dinamiche interne dei CFP.

Per realizzarlo, gli psicologi sono partiti dalla vision del Presidente Giannantonio Negretti: il progetto Proud to Be nasce dalla consapevolezza della dicotomia esistente oggi nel settore Bellezza, poiché da un lato l’economia del mondo Beauty è in costante crescita e offre numerosi posti di lavoro, dall’altro i giovani sono scettici sulle possibilità professionali offerte dal settore e non vivono con entusiasmo l’idea di diventare operatori Beauty.

Lo scopo del progetto, riferisce Giorgi, è quello di migliorare i percorsi formativi per operatori della Bellezza, affinché gli studenti rafforzino la loro identità professionale e siano fieri di aver scelto la loro professione. Si tratta inoltre di agire sui diversi livelli del tessuto sociale per scardinare la convinzione che gli studenti dei CFP siano “scarti” rispetto ai compagni che scelgono una formazione di tipo intellettuale, e sostenere invece l’autorità e la fierezza della professione.

Le prime due fasi del progetto sono già state avviate attraverso l’inserimento dei dati delle scuole nel CRM e l’incontro con le stesse. La fase successiva prevede l’offerta alla scuola di un nuovo palinsesto formativo per gli studenti del primo, secondo e terzo anno. È essenziale che collaborino a questa fase la presidenza e gli insegnanti, che potranno fare richiesta del materiale necessario attraverso una piattaforma online. Il team del Prof. Giorgi si occuperà inoltre di monitorare le classi durante l’intera durata di questa fase e di organizzare delle giornate di scambio e confronto tra i CFP delle tre macro aree geografiche italiane, con l’obiettivo di creare un’unica rete Proud to Be.

L’ultimo step prevede un lavoro più specifico di sostegno e rafforzamento dell’identità professionale con gli studenti del quarto anno. In questa fase riveste grande importanza il ruolo dei dirigenti degli istituti, che dovranno farsi portavoce Proud to Be nelle loro strutture e scegliere un professore referente del progetto, motivato a sostenerlo attraverso il proprio percorso di formazione e il ruolo di motivatore nei confronti degli studenti.

Il problema principale portato all’attenzione dell’incontro riguarda i finanziamenti al progetto, che potrebbero rappresentare un ostacolo per le scuole. È importante tuttavia trasmettere a queste ultime la consapevolezza che si tratta di un progetto a lungo termine, e che sebbene lavorarvi rappresenti un costo i risultati ottenuti incideranno profondamente sulla percezione di sé degli studenti come professionisti Beauty di livello, fieri di aver ricevuto una formazione all’altezza. Si tratta di un grande passo verso il progresso per la formazione scolastica e per la società tutta.

Lascia un commento